• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti alluso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok

Naviglio Martesana

La Martesana in bici

Un tragitto che parte da Milano e segue la Martesana fino all’Adda da dove si possono poi seguire i tragitti ciclistici che si inoltrano nel Parco Adda Nord e nel Parco Adda Sud.


Il Naviglio della Martesana
Una lunga storia che inizia nel 1443 quando Filippo Maria Visconti decide di costruire il canale, i lavori però iniziano nel 1457 con Francesco Sforza e finiscono nel 1496 quando il duca di Milano è Ludovico il Moro e la Martesana viene collegata alla cerchia interna dei navigli.
Il naviglio si chiama Martesana dal nome del contado che avrebbe attraversato ai tempi di Francesco Sforza e che si trova a nord-est di Milano. E' conosciuto anche come Naviglio Piccolo in contrapposizione al precedente e molto più importante Naviglio Grande.
I milanesi lo chiamano al femminile 'la Martesana'. La Martesana prende le sue acque dall'Adda a Concesa, poco più a sud di Trezzo d'Adda, poi scorre a fianco del fiume fino a Cassano d'Adda, da qui si stacca ad angolo retto per dirigersi verso Milano e dopo 38 chilometri arriva al Tombone di S. Marco.

Il Naviglio della Martesana è stato usato inizialmente per il trasporto delle merci, poi a partire dal XVII secolo e fino al secolo scorso è diventato molto importante anche per il trasporto dei passeggeri. Lungo il percorso sono sorti diversi insediamenti, dalle residenze nobiliari di villeggiatura alle cascine, e anche ruote idrauliche per l'irrigazione e mulini.
Scorre a sud del Villoresi in direzione est-ovest, dall'Adda a Milano, mentre il Villoresi scorre parallelo in direzione opposta e con un tragitto molto più lungo (86 chilometri) dal Ticino fino all'Adda e anche lui è fiancheggiato da una lunga ciclabile.

cosafare e cosavedere