• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti alluso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok

Lisbona Baixa

A piedi lungo le vie della Lisbona Baixa

Lisbona, capitale e città più grande del Portogallo, città molto pittoresca con un inquinamento molto basso e un sistema di trasporti capillare. Merita d'essere visitata per quartieri, seguendo dei tragitti pedonali dedicati, qui ne presentiamo uno dei tanti che abbiamo tracciato su altri siti.

BAIXA
La Baixa si trova a sud del Rossio ed è una grande scacchiera urbanistica di vie che si incrociano ad angolo retto con edifici uniformi in stile neoclassico, risultato del progetto del Marchese di Pombal, primo ministro del re Josè I ai tempi del terremoto. E' il centro di Lisbona e le sue vie sono piene di negozi, banche e uffici; portano nomi che richiamano i vecchi commerci come per esempio la rua da Prata (argento), o la rua do Ouro (oro). La via centrale è la Rua Augusta che sfocia nella gigantesca Praça do Comercio attraverso un arco trionfale.

Da vedere:
- Rua Augusta e Arco Trionfale: dalla Praça do Comercio, con il Tago alle spalle si vede l'Arco Trionfale che dà accesso alla Rua Augusta, la via principale della Baixa di Lisbona, da qui si raggiunge l'Elevador da Gloria per salire al Bairro Alto.
- Elevador de Santa Justa (o Elevador do Carmo): si raggiunge dalla fine di Rua Augusta, porta nel Chiado, alle rovine della Chiesa del Carmo. Dalla terrazza si gode di uno splendido panorama su Lisbona.

.....

Moltissime sono le altre cose che si possono vedere a Lisbona, vale la pena di scoprirle giorno per giorno, o meglio sera per sera, girando anche senza meta nei vecchi quartieri per provare la cucina delle piccole osterie cullati dai melanconici suonatori del destino (il fado).

cosafare e cosavedere