• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti alluso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok

Il palazzo degli specchi

Il palazzo degli specchi:
note dal libro di Amitav Ghosh

Nel palazzo reale di Mandalay, in Birmania, c’era una sala le cui pareti erano interamente ricoperte di frammenti di vetro, per rispecchiare all’infinito l’immagine del sovrano. Un infinito che terminò nel 1885, quando le truppe britanniche invasero il palazzo.

Il libro: "Il palazzo degli specchi" Nel palazzo reale di Mandalay, in Birmania, c’era una sala le cui pareti erano interamente ricoperte di frammenti di vetro, per rispecchiare all’infinito l’immagine del sovrano. Un infinito che terminò nel 1885, quando le truppe britanniche invasero il palazzo. E’ con questi fatti che inizia Il palazzo degli specchi, uno dei maggiori romanzi di Amitav Ghosh. Finisce il regno birmano, inizia l’impero britannico; decade lo splendore dell’orgogliosa famiglia reale, ridotta in miseria, e si innalza la fortuna di Rajkumar. Arrivato in Birmania quando aveva dodici anni, Rajkumar è l’unico sopravvissuto della sua famiglia a un’epidemia e non possiede nulla all’infuori degli stracci che porta addosso.

Personaggi, luoghi, aerei, auto, armi

Questo elenco in ordine alfabetico è compilato per chi, come me, si perde nei romanzi con tanti personaggi, luoghi e storie che si intrecciano continuamente. Le informazioni di ogni elemento sono minime per non rovinare la lettura del romanzo.


A

Ah Fatt: proprietario di ristorantino in Sungei Pattani; legami politici nel sud della Cina; ogni domenica Saya John si ferma nel ristorante e gli consegna una busta con danaro da mandare in Cina per la moglie di etnia hakka.

Akyab: (<== mappa)

Alison: figlia dell’americana Elsa e di Matthew, sorella di Timmy.

Alor Star: (<== mappa)

Amarapura: (<== mappa)

Amreek Singh: amico di Uma, diserta dall’esercito inglese; in America diventa oppositore degli inglesi; esponente della Lega per l’indipendenza dell’India.

Arjun (Roy): nipote di Uma; fratello di Bela e gemello di Manju; cognato di Neel e di Dinu di cui è amico e rivale; si arruola all’Accademia militare di Dehra Dun e diventa ufficiale dell’Esercito nazionale indiano; amico militare di Hardy.

Ashin Hteik Su Myat Phaya Gyi: seconda da sinistra, le più anziana delle figlie di re Thebaw, nata nel 1880 nel palazzo di Mandalay.
In esilio a Ratnagiri ha un figlio con Sawant, il guardiano e cocchiere del palazzo.

Aung San: nel romanzo è amico di Dinu.
Carismatico leader studentesco, diceva che le difficoltà del colonialismo costituiscono un’occasione di libertà.
Organizza rivolte contro gli inglesi durante la seconda guerra.
Come generale sconfigge poi anche i giapponesi di cui era prima alleato contro gli inglesi.
Padre di Aung San Suu Kyi.
Vince le prime elezioni ma viene assassinato insieme ad altri futuri ministri.

Ayutthaya: (<== mappa)


B

Baburao: un maistry, un appaltatore di manodopera incontrato per caso da Rajkumar. Insieme visitano i miserabili paesi indiani per ingaggiare manodopera a basso costo per un deposito di legnami che intende realizzare in Birmania.

Baisu: il soprannome della figlia della prima principessa e del guardiano del palazzo Sawant.

Bangkok: (<== mappa)

Bela: nipote di Uma, sorella di Arjun. Gli piacciono Dinu e Kishan Singh. Durante la guerra vive coi genitori a Calcutta.

Beni Prasad Dey: indiano, nuovo ispettore distrettuale a Ratnagiri nel 1905, dopo 25 anni di esilio del re Thebaw. Indossa eleganti abiti confezionati in Savile Row. Marito di Uma Dey.

Blenheim: aereo che faceva parte della flotta a Sungei Pattani.
Arjun, prima dell’arrivo dei giapponesi, si fece accompagnare in qualche volo di piacere sopra il Gunung Jerai e le piantagioni di gomma.

Di questi aerei ce n’erano anche a Alor Star dove, durante il rifornimento a terra, vennero bombardati da uno stormo di aerei giapponesi.

Il Bristol Blenheim era un bimotore, triposto, prodotto nella seconda metà degli anni trenta dalla britannica Bristol Aeroplane Company.
Nel tempo venne più volte migliorato e quindi prodotto in diverse versioni.
Impiegato principalmente dalla Royal Air Force tra il 1937 ed il 1945.
Venne usato anche da altre nazioni del Commonwealth.

Bombay: (<== mappa)

Brester Buffalo: tipo di aereo che faceva parte della flotta di Sungei Pattani.
Poco prima dell’invasione giapponese Arjun ha partecipato qualche volta a voli di piacere su questi aerei.
Caccia monoposto e monomotore di produzione americana.

In foto dei Buffalo Mk.I della RAF
in officina di assemblaggio a Singapore dopo il trasferimento via nave dagli USA.

Brownie: la prima macchina fotografica di Dinu, acquistata da Rowe & Co.
- Six-20 Brownie Model D - In vendita dal 1946 al 1957
- Pellicola in rullo 620
- Produzione UK
- Otturatore a lama singola - Due mirini.

Buckland: (Bucky) Il tenente colonnello a capo del 111o Jat.

Butterworth: (<== mappa)


C - D

Calcutta: Dum Dum (aeroporto); fiume Hooghly; Fort William; Great Eastern Hotel; Howrah station; Kalighat; Tollygunge (<== mappa).

Charbagh: (<== mappa)

Chittagong: (<== mappa)

Cox: poliziotto inglese che aveva scortato la famiglia reale durante il viaggio da Rangoon, parlava bene il birmano ed era un tramite fra la famiglia reale e il mondo esterno.

D. P. Roy: ricco e influente zio di Uma, sta a Rangoon. A lui si rivolge Rajkumar prima di impegnarsi in un importante appalto, e viene messo in contatto con Uma.

Delage D8: del 1938, la macchina decapottabile che Neel aveva in prestito dal concessionario quando incontra Manju nello studio cinematografico per il provino.

Veniva realizzata con diverse carrozzerie a seconda dei gusti del cliente,
ai tempi si usava per le macchine lussuose.

Produzione francese.
Velocità massima 120 km/h.

Dinu Raha: nome abbreviato indiano di Dinanath, il nome birmano è Tun Pe, ama la fotografia, figlio di Rajkumar e di Dolly, lineamenti delicati, malaticcio, amico e rivale di Arjun, si innamora di Alison. Convolto nelle organizzazioni studentesche birmane di estrema sinistra.

DC-3 Douglas: Su un DC-3 atterrano nel nuovo aeroporto di Dum Dum: Dinu, Dolly e Rajkumar.
Il DC-3 è stato uno dei più importanti aerei nella storia dell’aviazione.
Bimotore prodotto negli USA dagli anni ’30 fino agli anni ’40.
Destinato al traffico commerciale.
Allo scoppio della guerra ne venne prodotta anche una versione da trasporto militare.
Alcune centinaia di esemplari volano ancora oggi.

Dehra Dun: (<== mappa)

Doh Say: ragazzo del villaggio di Huay Zedi, diventato amico di Rajkumar. Marito di Naw Da. Due figli, uno si chiama Raimond. Insieme a Rajkumar organizza un deposito di teck a Rangoon e si arricchisce.

Dolly: (Dolly Sein): giovane ancella della seconda principessa; vive per anni con la famiglia reale in esilio a Ratnagiri; anni dopo sposa Rajkumar col quale ha due figli, Dinu e Neel.

Duesenberg Model J Tourster: seconda macchina di Matthew, con questa va ad accogliere Uma al ferry di Butterworth.
Matthew spiega le caratteristiche della macchina:
’freni idraulici, un motore a 8 cilindri in linea da 6900 cc.
Alberi a camme in testa comandati a catena
e in seconda poteva viaggiare a 90 miglia orarie.
Con la marcia più alta poteva raggiungere le 116 miglia’.


Dufferin: nave a vapore di una compagnia inglese
usata da Baburao e da Sawant per trasportare da Calcutta a Rangoon mano d’opera indiana destinata a Yenangyaung.
Gli indiani venivano ingaggiati nei paesini poveri per cifre irrisorie e promesse di lauti guadagni.
Le condizioni a bordo del Differin, nella stiva destinata agli indiani, erano pessime.
La nave trasportava anche centinaia di migranti, sempre in condizioni pessime,
inoltre non erano abituati al mare, parecchi morivano e venivano gettati a mare.
Nel loro primo viaggio, arrivati a Rangoon, Baburao e Sawant scoprono d’avere perso solo 2 uomini su 38 e sono soddisfatti.


E - F - G

Elsa: (Elsa Hoffman) ragazza americana di Matthew, protestante, hanno una figlia Alison e un figlio Timmy.

Evelyn: gestisce un thi-la-shun-kyaung, un convento di monache buddiste a Sagaing, Dolly la visita e vorrebbe restare.

Fokker F-VIII: trimotore.
A Mingaladon (Rangoon) Uma sale a bordo di un Fokker F-VIII della compagnia olandese KLM,
arriva a all’aeroporto Dum Dum (Calcutta) in solo sei ore invece dei 4 giorni di nave.
L’aeroporto Dum Dum è una semplice pista di asfalto e il terminal una tettoia di lamiera.

Il Fokker F-8 può portare 15 passeggeri,
equipaggio 2 persone.
Velocità di crociera 170 Km/h.
Autonomia: 1.045 km, giusto la distanza Rangoon-Calcutta.

Ghadar: Bollettino pubblicato dalla University of California, a Berkeley, da studenti indiani. «Ghadar», indica la rivolta del 1857.
Uma li ha conosciuti in America e ne parla con Dolly.
Erano finanziati da indiani emigrati in USA tra Otto e Novecento. Molti erano ex soldati dell’esercito anglo-indiano, che l’esperienza di vita negli USA e in Canada aveva trasformato in rivoluzionari.
Alcuni cercano di convertire amici e parenti tuttora arruolati nell’esercito anglo-indiano. Altri si legano alla resistenza irlandese in America molto più esperta nell’arte della sedizione.
Da qui nasce la Lega per l’indipendenza dell’India, con migliaia di seguaci e contraria alla morbida opposizione lealista di Gandhi.

Gunung Jerai: (<== mappa)
A Gunung Jerai c’era la piantagione degli alberi della gomma, che probabilmente assomigliava a questa mostrata nel film Ombre Malesi
dove si vedono le incisioni sugli alberi
e le misere capanne che ospitavano i coolie, i lavoratori indiani.


H - I

Handley Page: primo aereo ad atterrare a Calcutta nel 1920, all’ippodromo.
Era stato usato come bombardiere della RAF verso la fine della Prima Guerra Mondiale.

Biplano a 4 motori.
24 passeggeri, solo in prima classe.
Tre compartimenti: salone di prima classe, bar, area fumatori.
Equipaggio di 4 persone.
Velocità di crociera 160 Km/h.
Molto sicuro: nessun morto in dieci anni di servizio.

(Gif da video British Pathé)

Hardy: (Hardayal Singh) cadetto, amico di Arjun, sono nello stesso battaglione; è un sardar, sikh, di una famiglia nell’esercito da generazioni.

Henzada: (<== mappa)

Huntley & Palmers: scatola di biscotti dove Manju tiene le lettere che scambia col fratello Arjun militare a Saharanpur.

Fabbrica inglese di biscotti, era una delle più grandi al mondo,
uno dei primi brand conosciuti globalmente.

Le sue famose scatole decorate erano un grande strumento di marketing.
Era arrivata a produrre 400 diversi tipi di biscotti.

Ilongo: (Ilongo Alagappan) un coolie, lavoratore indiano, vive nella zona delle baracche della piantagione; figlio illegittimo di Rajkumar con una donna indiana che lavora nella piantagione di caucciù. Adottato dal vecchio Saya John che lo fa studiare da elettricista.

Ipoh: (<== mappa)

Irrawaddy Flotilla Company: compagnia di traghetti per il trasporto di persone e merci nell’Irrawaddy.
Era di proprietà scozzese e ha operato dal 1865 fino alla fine degli anni ’40.

Verso la fine degli anni ’20 era la più grande flotta di barche fluviali nel mondo con più di 500 battelli, di cui circa 180 erano a vapore con ruota, e i restanti erano chiatte per il trasporto merci.
Insieme trasportavano 8-9 milioni di passeggeri all’anno e più di un milione di tonnellate di merci.

Flotta nata inizialmente per il trasporto di truppe e convertita poi al trasporto di passeggeri, merci e posta.

I battelli a vapore e ruota erano costruiti a Glasgow e poi riassemblati a Rangoon dove c’era la sede della società, in un lussuoso edificio con grandi colonne al 50 di Pansodan Street.
Impiegava più di 11.000 persone fra ingegneri, equipaggi, magazzinieri e gli impiegati della sede che erano principalmente scozzesi.

Quando il Giappone invase la Birmania, per evitare che si impadronisse dei battelli, ne furono affondati 200 a Mandalay.

Isotta-Fraschini Tipo 8A Berlina Trasformabile.
La macchina che Matthew regala ad Elsa per il suo cinquantesimo compleanno.
Carrozzeria di Castagna e rivestimenti interni di cuoio fiorentino.
La carrozzeria Castagna fu fondata a Milano nel 1849, alle origini lavorava sulle carrozze con cavalli, poi per marchi come Fiat, Alfa, Lancia, Daimler-Benz e poi per i telai della Isotta Fraschini con successo internazionale.
Motore: 8 cilindri, cilindrata: 7370 cc
Potenza: 110 CV a 2400 giri/min.
Velocità: 140 km/h.


J - K

Jat Sikh: sottogruppo della etnia Sikh del nord dell’India e del Pakistan.

Considerata ’Martial Race', Razza marziale, dagli inglesi,
teoria basata sul presupposto che alcuni gruppi etnici hanno inclinazioni inerentemente più marziali di altri
e sono in grado di produrre migliori soldati.

Jaya: (Tin May in birmano) figlia di Manju e Neel, quindi nipote di Rajkumar e di Dinu che va a cercare nella sua misera casa-studio a Rangoon.

Jitra: (<== mappa)

Jowett 1939: la modesta macchina di Uma e suo fratello

acquistata in occasione del matrimonio di Neel e Manju.

Kadambari Dutt(sposata Bose): amica di famiglia di Uma che la incontra per caso nella nave per l’Europa e diventa inseparabile compagna di viaggio.

Kalimpong: (<== mappa)

Kanhoji: anziano cocchiere di Uma, zio di Sawant.

Kanjeevaram: ricco sari in seta.
Durante la precipitosa fuga dai bombardamenti giapponesi la gente raccoglieva tutto quello che poteva servire alla sopravvivenza.
Anche Manju, Dolly e Rajkumar sono in marcia.
Strada facendo la gente abbandona tutto,
cibo e legna da ardere sono le uniche cose indispensabili.

Una signora con indosso un magnifico sari di seta,
un Kanjeevaram verde pavone,
se lo toglie, e anche gli altri costosissimi sette sari che indossava sotto e che valevano migliaia di rupie.
Finirono nel fuoco per poter avere una vampata di calore.

Khyber pass: (<== mappa)

Kishan Singh: attendente di Arjun, originario di un villaggio vicino a Kurukshetra, dove venne  combattuta la mitica battaglia del Mahabharata. Famiglia di soldati per necessità, tutti nel 111° Jat.

Kota Baharu: (<== mappa)

Kuala Lumpur: (<== mappa)

Kumar: ufficiale, simpatico ex compagno di accademia di Arjun e il suo amico Hardy.

Kurukshetra: (<== mappa)


L - M

Lee Enfield 303: il fucile d’ordinanza dell’Impero britannico dal 1895 al 1957.
L’otturatore rapido e il caricatore da 10 colpi permettevano di eseguire il famoso mad minute
ovvero sparare dai 20 ai 30 colpi mirati al minuto.
Munizioni .303 British.

Oggi usato ancora dalla polizia del Bangladesh.

Loikaw: (<== mappa) Ma Cho: donna mezza indiana che fornisce un lavoro provvisorio a Rajkumar nel suo piccolo chiosco dove si servono noodles e baya-gyaw, frittelle speziate di peperoncino giallo.

Madras: (<== mappa)

Malacca: (<== mappa)

Mandalay: (<== mappa)

Manerplaw: (<== mappa)

Manju: nipote di Uma, gemella di Arjun. Nome intero Brihannala. Diventa attrice. Sposa Neel che sta investendo nel cinema. Una figlia: Jaya (Tin May).

Martin C-130 (o M-130?) idrovolante, il “China Clipper” della Pan Am che porta Neel e Manju da Calcutta (dal fiume Hooghly) a Rangoon dopo il loro matrimonio.

Dal discorso di Neel e Manju: Come l’aereo di Humphrey Bogart in Ali sulla Cina, E ce n’era uno anche in Carioca, con Fred Astaire e Ginger Rogers.

Uno steward gli mostra l’aereo:
- il capitano e il secondo pilota siedono fianco a fianco con identici strumenti di bordo;
- il secondo pilota spiega che il volo Calcutta-Rangoon (cinque ore e mezzo) è una tratta di una traversata di undicimila miglia che ogni quindici giorni portava il Centaurus da Southampton a Sydney e ritorno;
- c’è un’area per gli steward,
- una cabina centrale,
- una cabina fumatori e il ponte di passeggiata dove sgranchirsi le gambe durante il volo.
La sistemazione di cucina e dispensa lascia Manju senza fiato: sullo spazio di un normale sgabuzzino ci sono tutti i comfort di un ristorante di lusso: stoviglie, argenteria e perfino fiori freschi.

Matthew (Matthew Martins): figlio di Saya John; studia prima a Singapore dove vive con la famiglia della mamma, poi in America dove sposa l’americana Elsa, hanno due figli Alison e Timmy. Pianta caucciù a Huay Zedi e vicino alla piantagione costruisce Morningside House.

Maung Thiha Saw (U Thiha Saw): socievole compagno di scuola birmano di Dinu, entrambi coinvolti nelle associazioni studentesche di sinistra e partecipano alla pubblicazione di una rivista antifascista. Nella Rangoon occupata dai giapponesi, la nonna di Thiha Saw, che convive con la giovane Ma Thin Thin Aye, ospita Dinu. U Thiha Saw a Rangoon diventa editore di uno dei più importanti giornali birmani.

Mawlaik: (<== mappa)

Mergui: (<== mappa)

Minhla: (<== mappa)

Mohun Singh: militare indiano del 14° Punjab,
membro del movimento di indipendenza,
sconfitto a Jitra,
catturato dai giapponesi,
organizza l’esercito nazionale indiano,
poi lo scioglie per paura che i giapponesi ne prendano il controllo,
l’esercito verrà in seguito resuscitato da Subhas Chandra Bose.
Partecipano Arjun, Hardy, Kishan Singh, Ilongo.

Myingan: (<== mappa)


N - O

Naw Da: moglie di Doh Say col quale ha quattro figli.

Ne Win: dittatore militare della Birmania dal 1962 al 1988.
la «dorata» Birmania divenne simbolo di povertà, tirannia e malgoverno.

Neel: nome indiano abbreviato di Neeladhri, quello birmano è Sein Win, figlio di Dolly e Rajkumar, grande e robusto come il padre, fratello di Dinu, grande amico di Raymond, sposa Manju.

Oldsmobile Defender: la macchina di Matthew a Sungei Pattani nel 1914.

Auto americana prodotta dal 1912 al 1913.

Nel 1912 ne vengono prodotti 325 esemplari,
che diventano 1.000 nel 1913.

Oo-si e pe-si sono gli uomini che addestrano e guidano gli elefanti
utilizzati per rimuovere e trainare i tronchi d’albero che restano incagliati lungo i corsi d’acqua durante la fluitazione.
Cavalcano l’elefante insieme, l’oo-si davanti e il pe-si dietro, per meglio dirigere i movimenti dell’enorme animale.

Poi ci sono gli uomini che fissano alle zampe degli elefanti le catene agganciate ai tronchi:
i pa-kyeik e i loro aiutanti sin-pa-kyeik, impegnati in un compito difficile e pericoloso.

Il termine birmano per indicare questa operazione di recupero e pulizia dei corsi d’acqua è aunging.

Outram House: (Thebaw Palace): Ratnagiri - luogo d’esilio e di morte di re Thebaw.


P

Packard del 1929: lussuosa macchina di Rajkumar usata a Rangoon per andare a prendere Uma in arrivo col piroscafo.
Poi verrà usata anche da Dolly e Uma per un giro su Rangoon.

Prodotta a Detroit la Packard era considerata una delle migliori auto d’America,
il 1929 è stato l’anno di maggior successo per la casa produttrice.
Lo slogan pubblicitario era Ask the Man Who Owns One.

Pagan: (<== mappa)

Paige Daytona 6000 cc.: la macchina rosso ciliegia che Alison è autorizzata a guidare.

Alison organizza un giro per mostrare a Uma la piantagione,
la maccchina ha un sedile posteriore,
che si sfila come un cassetto e appoggia sul predellino,
dove viene collocato Dinu.

Paillard: radio svizzera a 7 valvole e occhio magico, griglia metallica e supporti cromati.

La scopre Rajkumar all’ospedale, la sintonizza su una stazione di Singapore, e la tiene sempre accesa per seguire gli sviluppi della guerra;
la stanza si riempiva di voci provenienti da ogni parte del mondo: Londra, Nuova Delhi, Chungking, Tokyo, Mosca, Sydney.

Grazie alla radio Rajkumar si rese conto di aver perso il contatto con lo scorrere degli eventi;
di essere diventato come un sonnambulo che va verso il baratro perché incapace di capire quello che gli accade intorno.
Per il resto della vita Rajkumar non si separerà mai più da una radio.

Pegu: (<== mappa)

Penang: (<== mappa)

Popa: monte: (<== mappa)

Prince of Wales: affondato dai giapponesi insieme alla Repulse nel 1941.
Punto di affondamento della Prince of Wales e della Repulse: (<== mappa)
Quando Hardy lo dice ad Arjun resta incredulo perché erano due delle più possenti navi da guerra che fossero mai state costruite,
l’orgoglio della marina britannica.

L’affondamento è un episodio importante della guerra del Pacifico,
è avvenuto a nord di Singapore, costa est della Malesia, all’altezza di Kuantan e Pahang (3.743590,104.375268).
Attaccate da bombardieri Mitsubishi G4M e G3M della Marina imperiale giapponese il 10 dicembre 1941.

Prome (Pyay): (<== mappa)

Pyinmana: (<== mappa)


R

Rajkumar (Rajkumar Raha): (Rajkumar significa principe), ragazzino indiano, poi ricco commerciante di legname, perde tutto con la guerra; ha come mentore Saya John; sposa Dolly, due figli Dinu e Neel che lo chiamano Apé.

Rangoon: Botataung Pagoda; Merchant Street; Mingaladon; Moghul Street; Pazundaung; Shwedagon Pagoda (<== mappa).

Ratnagiri: Tempio Bhagavati; Thubaw Palace: (<== mappa).

Raymond: uno dei figli di Doh Say, amico di Neel e di Dinu.

Ridley: Henry Nicholas Ridley, britannico, conservatore del giardino botanico di Singapore dal 1888 e per 23 anni.
Tenta inutilmente di convincere i piantatori inglesi a provare gli alberi della gomma.
Viene soprannominato ’Mad Ridley’ e ’Rubber Ridley’.
Sulla gomma ci investì invece il cinese Tan Chay Yan.
Ridley è stato poi riconosciuto come il padre dell’industria della gomma in Malesia,
che diventò la maggiore produttrice mondiale, proprio poco prima che la domanda di gomma diventasse imponente,
Ridley aveva trovato un modo per estrarre la gomma senza uccidere gli alberi di Para (Hevea brasiliensis) che prima venivano perforati.
Lavorò sempre e morì in Inghilterra nel 1956 a 101 anni.

Rolleiflex del 1935, la reflex biottica che orgogliosamente Dinu mostra a Bela.

Macchina famosa per la qualità della sua meccanica e dell’ottica, per leggerezza e praticità d’uso.
Il modello del 1935 era la “Standard” poi conosciuta come “Old standard” nel 1939 quando fa la sua comparsa la Automat.
Caratteristiche: formato 6x6 ma anche 35 mm con adattatore,
ottica Carl Zeiss Tessar per la pellicola e Heidoscop Anastigmat per la visione reflex,
otturatore fino a 1/500 sec.

E’ stata anche la macchina usata da Robert Capa durante la Seconda Guerra.

Sagaing: (<== mappa)

Saharanpur: (<== mappa)


S

Sahibzada Badruddin Khan: avvocato, membro eminente della comunità indiana di Rangoon, cerca di far evacuare gli indiani dalla Birmania prima che arrivino i giapponesi. Rajkumar non gli crede.

Savile Row: la sartoria inglese dove si serve Beni Prasad Dey.

Savile Row è una via nel centro di Londra, famosa per ospitare le più importanti e famose sartorie del mondo fin dal 1800,
nomi famosi come Anderson & Sheppard,
Cad & the Dandy,
Gieves & Hawkes,
Davies & Sons,
Norton & Sons,
e dal 1846 Henry Poole & Co (nel video) ideatore del tuxedo, lo smoking.
Il "miglio d’oro della sartoria" ha visto clienti come Lord Nelson, Napoleone III, Winston Churchill, il Pricipe Carlo, e Jude Law.

Nel romanzo "Il giro del mondo in 80 gironi" Jules Verne pose l’abitazione di Phileas Fogg al numero 7 di Savile Row.

Al numero 1 aveva la sua sede la Royal Geographical Society.

Sawant (Mohan Sawant): cocchiere delle giovani principesse a Ratnagiri. Ha un figlio con la prima principessa Ashin Hteik Su Myat Phaya Gyi.

Saya: è un titolo onorifico.

Saya John (John Martins- Joäo) (Baba) (Sayagyi): mentore di Rajkumar, cristiano, vedovo, orfano cresciuto dai preti a Malacca, porta cibo ai tagliatori di teck nella giungla, guadagna molto, ha un figlio Matthew e una nipote Alison. Adotta Ilongo. Attraverso Ah Fatt fa arrivare periodicamente dei soldi alla moglie in Cina.

Saya San: monaco guaritore che si fa incoronare re di Birmania.
Dal 1930 al 1932 guida il maggiore movimento anti coloniale del XX secolo nell’Asia sud orientale,
la ’Saya San Rebellion’.
Viene poi catturato e impiccato dagli inglesi.

Sittang bridge (Sittaung): (<== mappa)

Simla: (<== mappa)

Singapore: (<== mappa)

Singora: (<== mappa)

Sladen (Edward): Colonnello inglese.
Dice a re Thebaw di prepararsi perché la famiglia reale sarebbe stata portata via da Mandalay.
Ben conosciuto da re Thebaw perché è stato emissario inglese in Birmania per anni ed era andato spesso a palazzo.
Gentile e corretto, parlava birmano.

Subhas Chandra Bose: politico nazionalista indiano.
Ridà vita all’esercito nazionale indiano reclutando decine di migliaia di uomini.
Fu seguito anche da Arjun, Hardy, Kishan Singh, Ilongo.
Non approva i metodi di lotta non-violenta di Gandhi.
Cerca alleanze con Mussolini e Hitler contro gli inglesi.

Sungei Pattani: Cristo Re; stazione (<== mappa). Supayalat (Mebya): una delle tre mogli di re Thebaw.
Breve storia. La regina Alenandaw, matrigna di Thebaw, gli fa sposare tutte e tre le sue figlie,
poi lo fa emergere fra i 46 rivali e lo installa sul trono.
Thebaw accetta tutto e poi si innamora, ricambiato, di una delle sue mogli,
la regina di mezzo, Supayalat, la più coraggiosa e caparbia.
Supayalat toglie ogni potere alla madre e alle due sorelle, che sono anche mogli di Thebaw,
e fa uccidere ogni membro della famiglia reale che possa diventare una minaccia per il marito:
79 principi fra infanti e vecchi infermi.


T

Tan Chay Yan: cinese, mercante, primo piantatore di alberi di caucciù in Malacca.
Nel 1897, contro il parere di tutti, trasforma il suo orto di pepe in una piccola piantagione di alberi della gomma.
In soli tre anni riesce ad estrarre lattice dai suoi alberi.
Adesso tutti seguono il sue esempio e la città viene inondata di danaro.
Quel materiale elastico è indispensabile alla nuova generazione di macchine.

Thebaw: ultimo re birmano.
Si diceva che fosse il birmano più bello del paese,
ma era stato incoronato a vent’anni e nei sette anni di regno non era mai uscito dalla cinta del palazzo,
e quel lungo isolamento l’aveva devastato nel fisico.
Fare il re non era mai stata una sua ambizione, e nessuno pensava che lo sarebbe diventato.
Suo padre, Re Mindon, uomo saggio e prudente disse «Se Thebaw diventasse re, il paese cadrà nelle mani degli stranieri».
Aveva trascorso parecchi anni nel monastero del palazzo.
Era stato iscritto a una scuola inglese di Mandalay dove aveva imparato un po’ d’inglese e mostrato talento nel cricket.

Thin Thin Aye: (prima Ma e poi Daw) si occupa della nonna di Maung Thiha Saw a Rangoon. Studentessa, tesi su "Cronache del Palazzo degli specchi", famosa scrittrice birmana, professoressa. Lavora part time da Dinu, poi si sposano. Aderente al movimento per la democrazia, finita in carcere per tre anni insieme a Dinu.
Nel romanzo il nome è inizialmente preceduto da "Ma" e poi da "Daw" perché gli appellativi birmani cambiano con l’età: le donne passano da "Da" a Daw" e i maschi da "Maung" a "Co" e infine "U".

Timmy (Timothy Martins): secondo figlio di Matthew ed Elsa, fratello di Alison.

Thubaw Palace: (Outram House): Ratnagiri - luogo d’esilio e di morte di re Thebaw.

Tiranga: tricolore in sanscrito, era la bandiera del movimento nazionalista indiano, un arcolaio su uno sfondo tricolore, zafferano, bianco e verde.
Arjun chiede a Kishan Singh se conosce la bandiera issata sul cofano di un’automobile E’ il tiranga, sah’b.
Il charka, al centro era la ruota di filatura di Gandhi, simbolo dell’autosufficienza,
poi sostituito dalla Ashoka Charka, "ruota della legge" degli emblemi del III secolo a.C. dell’Imperatore Ashoka.
I 24 raggi della ruota sono le 24 ore e il progresso costante.
Per legge la bandiera deve essere di khadi, tessuto fatto a mano reso celebre da Gandhi.


U - V - W

U Ba Kyaw: il più fidato dei servitori di Rajkumar, fa anche da autista. E’ stato cameriere personale di un piantatore inglese e può insegnare le buone maniere a Rajkumar quando deve incontrare persone importanti per gli affari.

Uma Dey (Uma Debi da nubile): indiana, moglie di Beni Prasad Dey, l’ispettore inglese. Amica di Dolly. Entra nelle simpatie della regina. Da vedova in America diventa attivista della Lega per l’indipendenza dell’India. Iscritta al Congresso, inizialmente contraria alla politica di Gandhi. Zia di Arjun, Bela e Manju.

Vickers-Berthier: mitragliatrice leggera.
Alla base del battaglione a Saharanpur, ad Arjun e Hardy arrivano camion con nuovi armamenti, fra questi le mitragliatrici.
Progettata in Francia intorno al 1909
e prodotta poi anche in Inghilterra nel 1925.
Ha un caricatore da 30 colpi
e pesa circa 11 Kg.

Wardha: (<== mappa)

Webley 45: la rivoltella d’ordinanza delle forze armate britanniche tra il 1887 ed il 1963.
Arjun, nella sua precipitosa fuga dai giapponesi, ha con se solo:
la sua Webley.45, la borraccia dell’acqua e il cinturone con la consueta dotazione di cianfrusaglie.

Rivoltella a tamburo per 6 cartucce.
Inizialmente le cartucce erano delle pesanti .455,
vennero poi sostituite con delle .38 (sulla Webley 38) derivate dalla diffusa .38 Smith & Wesson.

Woodward’s Gripe Water: sciroppo per la tosse dei bambini, usato per Jaya, la figlia di Manju e Neel.

Ricetta ideata inizialmente dal farmacista inglese Woodward nel 1851.
Ancora in uso in mezzo mondo con delle variazioni locali.

Wright: sovrintendente di polizia anglo-indiano a Ratnagiri.

Yenangyaung: (<== mappa)

111° Jat: ovvero 111° fanteria leggera, ex ’The Royal Battalion’ per il coraggio dimostrato contro i Mahratta; è il battaglione di Arjun e del suo amico Hardy; ha la sua base a Saharanpur.

cosafare e cosavedere