Adda sud

Fiume Adda. Adda, Addetta e Muzza.

La prima parte della Muzza era stata costruita sul tragitto dell'Addetta (tragitto rosso-blu da Cassano a Paullo).
Nei tempi antichi l'Addetta era un ramo naturale dell'Adda, che aveva origina a Cassano d'Adda, sul suo corso ci sono due interpretazioni:
- 1) disperdeva le sue acque nella pianura, e si esauriva nei pressi di Paullo.
- 2) passava per Paullo, e finiva nel Lambro nei pressi di Melegnano (in blu).

Il fatto che l'Addetta, diventata poi in parte Muzza (Muzza vecchia), fosse un ramo naturale dell'Adda, è testimoniato dal suo percorso molto contorto.

Durante il periodo romano, un certo Tito Muzio, metteva una chiusa sull'Addetta presso Paullo per irrigare i suoi terreni. Le acque in eccesso proseguivano fino al Lambro nel tragitto che oggi è quello del Colatore Addetta (in blu, probabilmente nel percorso dell'antico Addetta).

Intorno al 1150 i terreni passano all'ospedale Brolio di Milano (ora Ospedale Maggiore), inizia una estesa bonifica con nuove terre coltivabili che hanno bisogno di acqua. I Lodigiani costruiscono fra il 1220 e il 1230 la parte del canale Muzza a sud di Paullo fino a Castiglione d'Adda, dove il canale rientra nell'Adda (in rosso).

C'è stato anche un periodo che fra Cassano e Trucazzano il fondo dell'Addetta si era interrato e non passava più l'acqua dell'Adda, per cui sono sicuramente intervenuti. Invece più a sud, fra Trucazzano e Paullo si inseriva il Molgora con le sue acque.


Dove si trova? Vedi la mappa completa - Adda sud con questo e altri luoghi di interesse oppure passa alla immagine successiva ►