Rio de Janeiro

Rio de Janeiro. Stadio Jornalista Mário Filho (Maracanà).

Lo stadio Maracanà fu inaugurato in occasione dei mondiali del 1950. Tutto il Brasile in un clima a dir poco euforico si accingeva a festeggiare il primo titolo mondiale ma nella finale del 16 luglio l'Uruguay sconfisse i padroni di casa per 2-1. Lo stadio stracolmo vedeva stipati 180.000 tifosi e mai più, da quella volta, un numero così alto di spettatori fu ammesso ad assistere ad una partita di calcio. L'incontro passò alla storia come il disastro del Maracanà (Maracanazo) e per quanto l'espressione possa sembrare esagerata occorre ricordare che a causa di quella inopinata sconfitta sugli spalti morirono d'infarto diverse persone. Il protocollo della premiazione fu disatteso dalle autorità brasiliane che lasciarono l'incombenza di festeggiare l' Uruguay neo campione del Mondo al solo Jules Rimet. Il clima surreale di un intero stadio e di un'intera nazione sbigottiti per l'esito imprevisto ebbe ripercussioni a non finire: ai vincitori - cui non toccò nemmeno l'onore dell' inno nazionale - fu caldamente consigliato di rientrare rapidamente in patria; il commissario tecnico di quella seleçao, Flavio Costa, fu costretto a lasciare il Brasile e molti scommettitori che sulla finale avevano giocato tutti i loro risparmi, si tolsero la vita. Il caos che seguì a quella vicenda solo apparentemente sportiva portò a decretare tre giorni di lutto nazionale e fu da quella volta che la Federazione Calcio brasiliana decise di abbandonare la casacca bianca in favore di quella giallo oro poi divenuta popolarissima.

Dove si trova? Vedi la mappa completa - Rio de Janeiro con questo e altri luoghi di interesse oppure passa alla immagine successiva ►