• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Parco regionale di Montevecchia e della Valle di Curone
 
punti di interesse:    info:    treno:   

I sentieri
Nel sito del Parco sono descritti 11 percorsi che sono stati tutti riportati in questa mappa in modo meno dettagliato ma sufficiente per non perdersi.
I sentieri sono:

Il sito del CAI di Varese riporta altri percorsi di collegamento frai tragitti elencati qui sopra, percorsi non presenti in questa mappa per non sovraccaricarla.

.

Il territorio
Parco non molto esteso, circa 2.360 ettari, però importante perchè ospita alcune interessanti specie di animali e delle aree boschive ancora incontaminate. Si estende in altezza dai 242 ai 497 metri s.l.m. E' attraversato dal torrente Curone e dai ruscelli Lavandaia e Molgorella. .
Questa zona è un'oasi di verde nella Brianza cementificata, ma era un'oasi anche 12.000 anni fa, quando i ghiacciai che si spostavano da nord non hanno invaso questa zona ma l'hanno solo circondata lasciandoci testimonianze di una continua presenza umana a partire da 60 mila anni fa. Era una zona ricca di selvaggina e di giacimenti di selce per le punte delle frecce che ancora oggi si possono trovare insieme agli scarti di lavorazione.

Flora
E' stata introdotta la robinia, pianta nordamericana e invasiva, ma nel parco ci sono diverse specie arboree autoctone: castagno, faggio, rovere, roverella, farnia, carpino e ontano.

Fauna
Ospita diverse specie specie di animali selvatici che con l'urbanizzazione e la cementificazione erano scomparse dalla Brianza. Negli ultimi anni sono stati inseriti anche scoiattoli e tassi. Si trovano pipistrelli, ghiri, topi selvatici, arvicole, muscardini, talpe topiragno, ricci, tassi, lepri, volpi donnole, faine, falchi, rospi, rane, salamandre, ramarri, diversi tipi di bisce e la rana di Lataste, specie endemica della Valpadana oggi a rischio di estinzione.


Bell'Italia:
Cinque Terre, anzi sette. E dintorni
Da Camogli a Portofino
Five Lands (Cinque Terre)
From Camogli to Portofino
Gargano, Castel del Monte, Bari e la penisola salentina
Parco regionale di Montevecchia e della Valle di Curone
Sardegna: selvaggio blu
Sicilia, arte e mare
Sicilia, i luoghi della Mitologia e della Storia
Valle del Lambro: tragitti, ville, cascine e aree verdi

Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Bagaggera  [photo: Google Street View]

Belvedere di Cereda
Piramide forse usata come osservatorio astronomico dai Celti nel 400/500 a.C. I celti non costruivano piramidi e quindi l'avevano ereditata da popoli precedenti vissuti qui fra 6.000 e 3.000 anni fa. E' la piramide che mostra meglio i gradoni. In cima c'è ancora un muro a secco, resto del santuario celtico.

Collina dei cipressi
11 cipressi in cerchio intorno ad un masso di granito lasciatoci dai Celti. La collina è quasi certamente artificiale, costruita da una popolazione molto anteriore a quella dei celti.

Passone
Ristorante Passone e residence Corte del Passone

Piramide
La piramide più a nord, poco visibile perché coperta dalla vegetazione.

Santuario del Carmelo
Situato in cima ad una antica piramide  [photo: Wikipedia]
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Animated Web salvo dove altrimenti specificato (Google Street View, Wikipedia)