• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti alluso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok

Parigi sconosciuta

10 Il sud-est di Parigi o la Parigi sconosciuta

10. La Parigi sconosciuta Viaduc des Arts (12°) - Place d'Italie (13°) - Bercy (12°) - Tolbiac (13°) - Bois de Vincennes (12°)
Il sud-est di Parigi è in piena rinascita. La linea ferroviaria in disuso è stata trasformata in passeggiata con panchine e piste di pattinaggio. Il futuristico portico del ministero delle Finanze passa sopra il viale e si riflette nell'acqua. Creazioni artistiche sono state collocate al Frigos, l'ex stazione frigorifera di Parigi-Ivry. Il tram è tornato in pista. L'Università Diderot è stata costruita sul luogo del vecchio mulino Grands Moulins e la Cité de la mode et du design si apre sul luogo dei vecchi depositi. Un centro commerciale ora fiorisce sulla grande pavimentazione di pietra dei vecchi mercati coperti. Non crederete ai vostri occhi! Siepi fiorite, casette di lavoratori fianco a fianco con i grattacieli, orti costruiti dove c'erano i depositi di rifiuti. E per andare da un lato della Senna all'altro ci sono lussureggianti gallerie ed eleganti ponti di acciaio.

Da vedere:
Cité de la mode et du design ovvero "Docks en Seine". Gli edifici industriali dei vecchi magazzini hanno subito un audace innovazione architettonica, l'aggiunta di una leggera struttura in legno, una terrazza con manto erboso per il passeggio, elementi di vetro e metallo per gli uffici, uno spazio per gli eventi, ristoranti e l'Institut français de la mode ... tutto mescolato insieme!

Bois de Vincennes. 995 ettari di alberi, laghi, isole e erba! Questo territorio di caccia reale ora è il più grande spazio verde di Parigi, attraversato da 32 km di strade pedonali, 20 km di piste ciclabili e altrettanti di sentieri per cavalli. Poi il bosco ha anche uno zoo, un ippodromo, una riserva ornitologica, un teatro, un tempio buddista, e altro ancora.

Parc Floral de Paris. Giardino botanico di Parigi. In estate l'aria del parco è riempita dalla musica di concerti jazz e classici, con le sue piccole valli, corsi d'acqua, patii, pini, cedri e faggi. Nel jardin insolite del frutteto si coltivano spezie esotiche e verdure del passato, mentre le serre del giardino Butterfly ospitano bozzoli e crisalidi. Da non perdere il giardino Dahlia, la Valle dei Fiori, ecc.

Château de Vincennes. Padiglione di caccia per Luigi VII, maniero per Filippo Augusto e Luigi IX nel XIII secolo, scelto per il matrimonio di Filippo III e IV, vi morirono Luigi X, Filippo V, e Carlo IV, vi fu imprigionato Enrico IV, Luigi XIV ci ha fatto costruire i padiglioni del Re e della Regina, trasformato in arsenale, poi arricchito nel XIX secolo di un giardino inglese, luogo di fucilazione di Mata Hari, oggi fortemente restaurato e gli appartamenti reali sono aperti al pubblico.

Viaduc des Arts e Promenade Plantée. La passeggiata inizia a mezz'aria in avenue Daumesnil. Una scala conduce fino al viadotto di una linea ferroviaria in disuso. Palazzi di mattone portano all'ex residenza dei Re merovingi, ora Jardin de Reuilly, con il suo prato a forma di mezza luna. Una passerella, un galleria, un tratto di verde che danno l'idea della vecchia ferrovia circolare di Parigi, quattro chilometri e mezzo di puro piacere che si estende fino ai bordi del Bois de Vincennes.

Biblioteca nazionale di Francia, sito François Mitterrand. Quattro torri a forma di libro aperto che si specchiano sulla Senna, circondano una piazza alberata e un giardino. Dal 1996 sono diventate depositi di libri mentre sui piani del Haut-de-jardin e il Rezde jardin le sale di lettura -- tappeti rossi, acciaio e legno -- ospitano materiali stampati, sistemi multimediali ed esposizioni molti interessanti.

La Butte-aux-Cailles. Questo villaggio senza chiesa, che ha visto le insurrezioni popolari del 1871, ed è stato abitato da povera gente e lavoratori del cuoio fino alla guerra 1914-18, deve il suo nome a un certo Monsieur Caille, che ha qui piantato delle viti intorno al 1540. Anche se lo spirito libertario è sparito col tempo, il buon umore è rimasto tra le poche case con fiori e i vicoli acciottolati come la rues de l'Espérance, des Cinq-diamanti, e de la Butte-aux-Cailles dove meritano una visita i piccoli caffè dalle pareti decorate con gli stencil dalla leggendaria Miss Tic.

Palais de la Porte-Dorée -- acquario tropicale. Costruito nel rigoroso e grande stile art deco per l'Esposizione Coloniale del 1931, l'ex museo delle Colonie conserva il suo Acquario (ristrutturato nel 1985). Il percorso didattico porta il visitatore dal pesce primitivo al pesce elettrico, e dalle acque dell'Asia alla fauna acquatica di Africa e Sud America.

cosafare e cosavedere