• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti alluso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok

Parigi mitica

Il sorriso della Mona Lisa e la Parigi mitica

Concorde (8°) - Champs-Élysées (8°) - Tuileries (1°) - Louvre (1°)
Non c’è modo di sfuggire al fascino di questo leggendario distretto, a partire ovviamente dal sorriso della Mona Lisa e i geroglifici in Place de la Concorde. Poi al Louvre dove ci sono Le Nozze di Cana, la Vittoria Alata di Samotracia, scoperta sulle rive del Mar Egeo e il Lacemaker di Vermeer. C’è il Cour Carrée, la Grande Galerie, e il colonnato da 175 metri -- un breve tour storico che prosegue fino ai cancelli del Palazzo dell’Eliseo.
Ci sono anche le colonne del Le Grand Palais e del Petit Palais, la Senna dalla recinzione dei giardini delle Tuileries, i palazzi in avenue Gabriel, designer di moda in avenue Montaigne, qualche Picasso all’Orangerie. Visitatori ammaliati della camera da letto vellutata di Jeanne Lanvin al museo di Arti Decorative e al palazzo della cortigiana Païva a pochi passi dal Rond Point des Champs-Élysées. In fondo alla strada, il futuristico Drugstore a forma di nave è anche lui abbastanza impressionante. Le sfilate per il 1918 e per la Liberazione, le bici del Tour de France, i carri armati del 14 luglio, le celebrazioni per la Coppa del Mondo di calcio del 1998, tutto ha contribuito a farne un mito!


Da vedere

Arco di Trionfo e la Tomba del Milite Ignoto. All’inizio degli Champs-Élysées, direttamente in linea con l’Arc du Carrousel e l’Arco de La Defense, c’è l’antico arco trionfale di Napoleone. Commissionato nel 1806 per celebrare le vittorie della Grande Armata, è stato completato nel 1836. Le sue enormi proporzioni (50 metri di altezza per 45 di larghezza) sono decorate con sculture di Cortot e Etex, insieme a quelle del famoso marseillaise Rude. Descritto da Victor Hugo come ’un cumulo di pietre sopra un cumulo di gloria’ l’arco è diventato un simbolo nazionale e il centro di ogni parata. La fiamma è riaccesa ogni sera alle 6:30 e l’iscrizione ’Qui giace un soldato francese morto per il suo paese’ è incisa sulla tomba di un soldato sconosciuto dal 1921.

Champs-Élysées. Tra Concorde ed Étoile, c’è l’emblematica sezione di una prospettiva che si estende dalla Piramide del Louvre a La Défense. I primi passi di questa ’gloriosa via', un passaggio obbligatorio per parate patriottiche, sono stati invece modesti. Affiancato da sottobosco il viale ha raggiunto Place de l’Étoile nel 1724. E’ stato un posto alla moda per passeggiare, ma poi i giardini sono stati devastati alla caduta dell’Impero, riacquistando il loro splendore intorno al 1840: lampioni, fontane, paesaggio con fiori e boschi cedui sono di questo periodi di balli e teatri. Un centinaio di anni dopo si è verificato un rapido sviluppo quando il benessere si è diffuso a ovest della capitale. Il viale è stato quindi affiancato da prestigiosi palazzi, caffè, ristorante e cinema, e oggi da negozi di prêt-à-porter alla moda e della tecnologia.Tutto si può trovato sugli Champs: film, vestiti, pranzi, farmacie, auto da corsa, yogurt e verdure fresche, libri, CD, profumi ... dalla mattina fino a mezzanotte, a volte 24 ore al giorno, spesso 7 giorni alla settimana.

Musée du Louvre. Il più grande museo di Parigi, casa della Mona Lisa, la Zattera della Medusa, e la Venere di Milo. E’ stato in primo luogo il gioiello della corona di re, imperatori e repubbliche di Francia. Dal buio del tardo XII secolo alla piramide di vetro di Pei inaugurata nel 1989, molti hanno regnato qui e praticamente tutti hanno lasciato la loro marchio - Rinascimento, Classico, Primo e Secondo Impero, e i contemporanei. Il Louvre, un museo dal 1793, ospita collezioni di arte occidentale dal Medioevo al 1848, e collezioni dall’antico oriente, egiziane, greche, etrusche, della civiltà romana e islamica.

Place de la Concorde. I lavori sono iniziati in place Louis XV nel 1755 rompendo con la tradizione delle piazze reali chiuse, per aprire una prospettiva verso i Jardin des Tuileries. La place de la Revolution è dove Louis XVI, Maria Antonietta, Danton e Robespierre sono stati ghigliottinati, mentre place de la Concorde richiama la riconciliazione. Louis-Philippe voleva un monumento che avrebbe raffreddato le passioni rivoluzionarie e reali, e l’ha trovato nell’ obelisco vecchio di 3300 anni, un regalo del pascià d’Egitto. Eretto nel 1836, i suoi 23 metri e 230 tonnellate di granito rosa, ci hanno messo quattro anni di viaggio per arrivare da Luxor! Il suo grigio è ravvivato da due fontane con sirene e pesci d’oro.

Jardin des Tuileries. Un patrimonio di opere popolano le terrazze, i prati, e le aiuole in stile francese, i boschi cedui e le aree intorno agli stagni ornamentali: un accademico Spartacus su un piedistallo di marmo e le contemporanee Welcoming Hands di Louise Bourgeois.I verdi bronzi di Maillol emergono dai labirinto di siepi che collegano le Tuileries al Louvre. All’altro estremo, in un linea retta con i grandi assi, il giardino si apre spettacolare su Concorde. Lussureggiante vegetazione, giochi, chalet di ristoro, e il dolce far niente si trovano tra i due.

Galeries nationales du Grand Palais. Maestoso edificio di pietra con decorazioni floreali, coronato da una splendida vetrata sul tetto. Costruito per l’Esposizione Universale nel 1900. Architettonicamente audace per il suo tempo, il Grand Palais ospita, in una delle sue ali, il Palais de La Découverte, museo della scienza, mentre la navata centrale e le gallerie sono una vetrina da sogno per una mostre da sogno sogno!

Petit Palais - Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris. Come il suo ’Grand’ vicino, il Petit Palais è un esempio dell’eclettico splendore della Esposizione del 1900. L’edificio alterna marmo bianco e colorato, modanature e ghirlande, soffitti dipinti , pavimenti a mosaico, finestre a vetri colorati intorno a un giardino interno. Museo cittadino delle belle arti din dal 1902, il Petit Palais è stato completamente ristrutturato ed esibisce collezioni di pittura, scultura ed oggetti d’arte dall’antichità al 1918. Tra le altre meraviglie, i visitatori potranno ammirare anfore greche, icone ortodosse, avori in stile gotico, Madonne italiane, dipinti di Rubens, porcellane di Saxe e vasi di cristallo soffiato.

Musée de l’Orangerie. Costruito nel 1852, l’Orangerie delle Tuileries ha perso presto i suoi alberi da frutta per diventare un magazzino e una stanza per esami e concorsi di cani. Il suo destino è stato definito quando Monet lo ha scelto per metterci il ciclo completaro delle Nymphéas, su cui lavorava dal 1914. Oggi i pannelli con paesaggio di ninfee, i salici piangenti, i riflessi di alberi e nuvole, per 2 metri di altezza e quasi 100 di lunghezza, mostrano tutta la loro bellezza e il loro significato alla luce del giorno. Questo eccezionale luogo rende giustizia anche alla raccolta d’arte del rivenditore Paul Guillaume, di cui si diceva che ’i dipinti e le statue sussurassero al suo orecchio', e i ’suo’ dipinti di Renoir, Cézanne, Rousseau, Modigliani, Marie Laurencin, Matisse, Derain, Picasso, Utrillo e Soutine rivelano sicuramente un grande fascino.

Museo Jacquemart-André. A Nélie Jacquemart fu commissionato il ritratto di Edouard André, l’erede di una famiglia di banchieri che avevano dedicato la loro fortuna alla collezione esposta nella loro villa, costruita nel 1875. Le magnifiche sale d’ingresso, i giardino d’inverno e gli appartamenti privati sono decorati con mobili Louis XV e Louis XVI, quadri di Boucher, Chardin e Fragonard e tesori del Rinascimento italiano raccolti durante i loro viaggi all’estero. La sala fumatori è inglese con Hoppner, Lawrence e Reynolds. Nella libreria sono esposti i maestri fiamminghi e olandesi del XVII secolo.

Palais Bourbon. Il Palais Bourbon, che ha ospitato l’Assemblea Nazionale (la Camera bassa del parlamento francese) nelle sue varie forme dal 1798, vanta un’origine aristocratica. E ’stato costruito nel 1726 per Louise Françoise, figlia di Luigi XIV e Madame de Montespan, la vedova del duca di Borbone.

Les Arts décoratifs. L’istituto persegue gli obiettivi che gli sono stati dati fin dall’inizio: ’promuovere ciò che è bello e utile’. Raggruppa il Museo Nissim de Camondo (rue Monceau) e i Musei delle Arti Decorative, della Pubblicità, della Moda e dei Tessuti (rue de Rivoli):

  • Museo Nissim de Camondo. Nel primo decennio del ventesimo secolo, il banchiere Moïse de Camondo, un appassionato collezionista di arti decorative del XVIII secolo, aveva un magnifico palazzo costruito ai margini del Parco Monceau, ispirato al Petit Trianon di Versailles ma dotato di tutti i comfort moderni. Nei sui appartamenti tappezzati di pannelli legno, teneva la sua collezione. Dal salone blu alle collezioni di porcellana egli ci porta da Versailles alla tavola di Catherine II di Russia. Nel 1936, la villa è diventata un museo, una meravigliosa opportunità di visitare una eccellente e raffinata residenza familiare.
  • Musée des Arts décoratifs. Dopo il suo restauro una passeggiata attraverso la navata centrale del museo e le gallerie d’arte è ancor più una esperienza speciale. L’ambiente è bianco e arioso con indicazioni in rosso sulle pareti. La ricchezza del Medioevo e del Rinascimento abbelliscono il luogo e testimoniano la sua grandezza. Da Enrico IV a Luigi XVI, è pura magnificenza. Ebano e palissandro, ideali classici, oggetti utili e filosofia dell’utile sono tutti fattori che contribuiscono alla ricchezza del fasto dei saloni. Lo splendore borghese trionfa nel XIX secolo. Poi vengono le sinuose curve dell’art nouveau, la geometria dell’art deco, e in seguito la logica e il funzionalismo industriale degli anni ’50, prima che la plastica e l’anti-conformismo aprissero la via all’individualismo e al desiderio di comfort naturale. Le tendenze del XXI secolo sono già anticipate da leggeri indizi.
  • Musée de la Publicité. La collezione di manifesti (alcuni risalenti al XVIII secolo), delle stampe, delle pubblicità dei cinema e della radio in tutte le loro forme, tra cui una retrospettiva di manifesti cinesi, un omaggio ai pionieri della pubblicità e dei marchi, il potere delle immagini da Man Ray a Jean-Paul Goudé, l’epica storia dei biscotti ’Nantais’ e di un soldato senegalese su una scatola di cacao. Queste fragili opere non possono stare sempre in vetrina per la loro fragilità e sono quindi presentate solo in mostre temporanee. Comunque la biblioteca multimediale è aperta a tutti.
  • Musée de la Mode et du Textile. Sete, ricami, tessuti stampati, pizzi e arazzi per un totale di 31.000 pezzi presentano la storia del tessile dal XIV secolo. La moda è in mostra con una collezione di abiti e accessori dal XVII secolo con creazioni di Balmain, Chanel, Courrèges, Dior, Lanvin, Lacroix, Poiret, Saint Laurent, ecc. Queste opere non possono essere sempre esposte per la loro fragilità e così appaiono solo in mostre temporanee.

Palais de la Découverte. Come funziona una lampadina? Gli animali parlano? Che cosa c’è là fuori nello spazio? Per rispondere a queste domande il Palais de la Découverte, un museo scientifico, è dotato di strumenti ultra-moderni. Gli scienziati effettuano esperimenti spettacolari su quattro temi: la terra e l’universo, la materia e l’energia, la matematica, e gli esseri viventi, con mostre permanenti e temporanee. I visitatori scopriranno ’la scienza in atto', e poi il Planetario è uno invito a viaggiare attraverso l’universo.

Musée Cernuschi. Finanziere filantropico e viaggiatore esteta, Henri Cernuschi (1821-1896) ci ha lasciato i lavori di arte che aveva raccolto nel suo lungo viaggiare, insieme con la sua villa sul bordo del Parc Monceau. Concentrato sull’arte e l’archeologia della Cina antica, dal neolitico al XIII secolo, il museo mette al centro della scena uno grande Buddha di bronzo e intorno a questo saggio in meditazione sono disposte le bacheche con collane di giada e ceramiche, inondate dalla luce di una grande finestra.

Parc Monceau. Questa follia anglo-cinese del XVIII secolo è stata uno dei primi giardini irregolari concepito come una raccolta di curiosità all’aperto. Tra i prati e le aree gioco, ci sono ancora alcune stravaganze: il modello di antiche rovine intorno ad uno stagno ornamentale, un piccolo ponte, una grotta, pietre e persino una tomba egiziana ricoperta di muschio! L’ultima stranezza degna di nota è stata la cattura di un lupo nel 1972.

- Clicca per vedere le altre viste tematiche su Parigi

cosafare e cosavedere