• Questo sito utilizza cookies di profilazione (forniti da terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente durante la navigazione in Rete. Scorrendo questa pagina o cliccando un qualsiasi link, acconsenti all’uso dei cookie.
This site uses profiling cookies (provided third parties) in order to send advertising messages consistent with the preferences expressed by the user while browsing the Internet. By scrolling this page or clicking any link, you consent to the use of cookies.
INFO Ok
 
Mandalay, antica capitale
 
punti di interesse:    aeroporti:    hotels:    info:   


Myanmar:
Bagan
Lago Inle
Mandalay, antica capitale
Myanmar (Birmania), il tour classico, in agosto
Yangon

Tutte le nostre mappe:
InOgniDove, viaggi in città e luoghi del mondo
SempreInMoto, tour e imprese in motocicletta
SempreInBici, in bicicletta fuori porta (Lombardia)


Bagaya Kyaung (Ava)
Pregievole monastero costruito in teak, nel 1834. Accessibile - per chi arriva da Mandalay - attraversando il fiume (Ava è in pratica un'isola) e poi accettando di buon grado un giro in calesse, trainato da un pony. Notevoli le sculture e gli intagli in legno, ben conservati all'interno.  [photo: Go-Myanmar.com]

Horse Cart (Ava)
Un calesse per le strade di Ava; mezzo di trasporto obbligato per chi arriva a visitare il sito religioso.

Bonzan Monastery (Inwa)
Il monastero di Maha Aung Mye Bon Zan è di norma inserito nel tour che si compie ad Inwa con il calesse. Si tratta di una struttura in mattoni ancora più antica del monastero in teak. E' piacevole percorrere i suoi freschi e ventilati corridoi che trasmettono - come peraltro tutti i siti religiosi di Ava - un senso di serenità e sobrietà dello spirito.

Bonzan Monastery (Inwa)
Il Maha Aung Mye Bonzan, noto come Brick Monastery, fu fatto costruire nel 1822 dalla Regina Nanmadaw Me Nu. Danneggiato dal terremoto del 1838, fu riparato per volere della figlia Sinphyumashin, Regina di Re Mindon. Il monastero è uno dei più apprezzabili esempi dell'architettura birmana durante il periodo Konbaung (19esimo secolo). La sua struttura in mattoni ricalca in tutto e per tutto quella dei monasteri in legno, con la stanza della preghiera riparata dal classico tetto a sette strati. [...]

Hotel by the Red Canal (Mandalay)
Delizioso boutique hotel a poca distanza dal fossato che fa quadrato attorno all'area del Palazzo Reale di Mandalay.

Hotel Yadanarbon (Mandalay)
Situato in una zona abbastanza centrale, l'hotel Yadanarbon incontra i gusti e gli standard per così dire ...occidentali. Manca forse di charme, ma è pulito, confortevole, dotato di WiFi. Il personale è gentile e quasi tutti masticano un po' di inglese.

Hsinbyume Paya (Mingun)
La Hsinbyume Paya - una enorme pagoda danneggiata dal terremoto del 1838 - è altrimenti detta Myatheindan Pagoda. Siamo a Mingun, 1 ora circa di battello da Mandalay.

Kuthodaw Pagoda (Mandalay)
Una quantità di preziosi corridoi a proteggere le innumerevoli tavole che costitiscono ...il più grande libro del mondo. Adiacente alla notevole Kuthodaw Pagoda si trova la Sandamuni Paya. A breve distanza (200 mt) anche lo Shwenandaw Monastery. [photo: Riccardo Gatta]

Kuthodaw Pagoda (Mandalay)
In questa foto di fine '800 gli stupa di Kutho-Daw. Sullo sfondo, il monastero di Atumashi.

Mahamuni Buddha Temple (Mandalay)
Il cosiddetto Buddha Temple conserva l'antico Buddha di Rakhine

Mahamuni Buddha Temple (Mandalay)

Mandalay Hill
Il tramonto dalla collina è l'ideale conclusione di una giornata a Mandalay. La Lonely Planet la racconta in questi termini: ...ricca di scalinate a spirale, templi e punti panoramici mozzafiato... Nella foto, è ben visibile la Kuthodaw Pagoda con gli innumerevoli stupa a custodire le tavolette del libro più grande del mondo...  [photo: Panoramio]

Mandalay Royal Palace  [photo: Wikipedia]

Mingun Bell (Mandalay)  [photo: travelomyanmar.com]

Mingun Pagoda (Mandalay)
Delle quattro città antiche - Amarapura, Sagaing, Ava e Mingun - quest'ultima è con ogni probabilità la più interessante. Anche se sulla mappa si può leggere di una improbabile Min Gun Road, è in pratica accessibile unicamente da una attraversata del fiume.  [photo: Wikipedia]

Giant Lions of Mingun
A due passi dalla più celebrata pagoda di Mingun, sulle rive del fiume, si trova questo curioso monolite.  [photo: Mauro e Ornella (Panoramio)]

Nanmyin Tower (Inwa)
La Nanmyin Tower è una Torre di Guardia (pendente) non distante dal Maha Aungmye Bonzan Temple.

Pedestrian Walkway (Mandalay Hill)
In mezzo ai due enormi leoni bianchi comincia il camminamento per salire la collina di Mandalay.

Rupar Mandalar Resort (Mandalay)
Un po' fuori mano ma ottimo, pulito, tranquillo. Ideale approdo dopo una giornata intensa. Per spostarsi incentro occorre necessariamente un veicolo a motore.

Sedona Hotel (Mandalay)
Dal Sedona Hoteel - non sempre apprezzato dai suoi ospiti (a giudicare dai commenti in TripAdvisor) - ha tuttavia tra i suoi innegabili plus una notevole vista sul quadrilatero del Palazzo Reale e sul canale che in direzione nord punta dritto alla Cololina di Mandalay. Da notare che la lunghezza di un solo singolo lato del canale è pari a 2300 metri.

Shwe In Bin Monastery (Mandalay)  [photo: Sensaos (Flickr)]

Shwe Kyat Yat Pagoda (Mandalay) [photo: Myanmar Discover]

Shwenandaw Monastery (Mandalay)
Il Monastero in legno Shwenandaw è l'unico edificio rimasto del complesso originale del Golden Palace di Mandalay.  [photo: Panoramio]

Teatro delle Marionette (Mandalay) [photo: Ursula 2012]

U Bein Bridge (Amarapura)
Lo U Bein Bridge è un ponte pedonale ultracentenario lungo più di un chilometro costruito interamente in teak che attraversa le acque del lago Taungthaman.

U-Min Thone-Se Pagoda (Sagaing)
Sagaing, città santa della Birmania, con pagode e centri di meditazione a non finire.  [photo: Andrey Bogdanov (Panoramio)]
© 2007-2016 - Concept & Design by Animated Web - Cookie and Privacy Policy
Tutte le immagini sono di Animated Web salvo dove altrimenti specificato (Andrey Bogdanov (Panoramio), Go-Myanmar.com, Mauro e Ornella (Panoramio), Myanmar Discover, Panoramio, Riccardo Gatta, Sensaos (Flickr), travelomyanmar.com, Ursula 2012, Wikipedia)