Corsica - Désert des Agriates
Monte Genova (421 m). Tra Saint-Florent e la foce dell'Ostriconi ci si trova dentro un paesaggio maestoso e arido, il Désert des Agriates. Circa 30 chilometri di Maquis in estate bruciato dal sole ma con più fresche vallate verdeggianti, delle scarpate rocciose e delle montagne basse color del gesso. Una vasta area attraversata da diversi sentieri, meta di molto turisti attratti dalle meraviglie del suo littorale: delle bellissime spiagge raggiungibili per lo più solo via mare oppure a piedi. Appure questo arido e roccioso paesaggio degli Agriates è stato un tempo il granaio di Genova, una zona così verde e fertile quanto oggi è arida e disabitata. Questa era zona di transumanza e semina, qui scendevano i pastori del Nebbio e della valle dell'Asco a trascorrere l'inverno con le loro greggi di pecore e capre. A giugno poi venivano sostituiti dai contadini che arrivavano in barca da Cap Corse per la semina. La zona era famosa anche per gli ulivi, ma poi la pratica dell' ecobuage, la coltivazione sulle stoppie bruciate e gli incendi diffusi dai forti venti hanno nel tempo trasformato questa fertile zona in un desolato deserto sassoso. Si è però salvata la costa degli Agriates che si estende su 35 chilometri di littorale selvaggio. © Simona Callegari - Vedi la mappa della Corsica con tutte le foto.

Trovi che questa immagine sia mal posizionata nella mappa? Ritieni che il titolo o il testo descrittivo siano sbagliati o imprecisi? Vuoi aggiungere qualche tuo commento? Scrivici!